zustany.ru

85.000 Antilopi rare periscono in poche settimane - al limite dell`estinzione

Dr. Ernie Ward, DVM
La vita di un veterinario

Antilope Saiga

Il Kazakistan è un paese che probabilmente hai sentito parlare, ma ne sai poco. Situato nell`Asia centrale, al confine con la Russia, la Cina e l`Uzbekistan, questo paese scarsamente popolato faceva parte dell`ex Unione Sovietica. Gran parte del Kazakistan potrebbe passare per le pianure africane e servire come sede di una grande varietà di animali selvatici e di animali esotici. È anche il territorio preferito dell`antilope saiga in via di estinzione, una creatura dall`aspetto strano, nota soprattutto per il suo muso bulboso e cadente che appare più estroso che pratico. Rapporti dal Kazakistan nelle ultime settimane descrivono a dir poco la devastazione su vasta scala per questa specie: si stima che 85.000 antilopi saiga siano improvvisamente e inspiegabilmente morte, secondo i rapporti pubblicati da Radio Free Europe. E questo è solo l`inizio di questo mistero.

I primi rapporti
Qualche settimana fa, una notizia apparentemente minore da Kazinform Agenzia di stampa internazionale è scoppiato dal Kazakistan, descrivendo in dettaglio la misteriosa morte di circa 100 antilopi saigiane. I funzionari hanno iniziato a esaminare il caso, ma non ne erano troppo preoccupati. Il decesso avveniva in tre regioni settentrionali del Kazakistan, habitat delle mandrie di saia più grandi. In pochi giorni, le vittime della saiga si sono diffuse a migliaia, e poi decine di migliaia di antilopi sono state trovate morte, secondo Stephen Luntz di IFLScience.com. Gli scienziati hanno identificato un colpevole, ma ci arriveremo più tardi. Innanzitutto, vale la pena notare che la specie di saiga è sopravvissuta in qualche modo a simili minacce di estinzione prima.

L`ultima minaccia alle antilopi saigiane
Lutz riferisce che, dopo il crollo dell`Unione Sovietica, le riserve naturali del Kazakistan erano vulnerabili ai bracconieri. Negli anni `90, circa tre quarti dell`intera popolazione di antilope saiga è stata spazzata via dalla caccia umana. Quella decimazione ha atterrato la saiga sulla lista in via di estinzione e le iniziative internazionali aggressive hanno protetto questa specie animale incredibilmente unica. Oggi l`antilope saiga molto probabilmente affronta un nemico più piccolo, ma altrettanto letale.

L`attuale minaccia per le antilopi saiga
I primi test scientifici indicano un`infezione batterica, la pasteurellosi, come la causa più probabile di morte1. [Nota del redattore: Pasteurella multocida si trova comunemente in molte specie, compresi cani, gatti e umani. Raramente, può causare una malattia significativa (con animali anziani e malati che sono a maggior rischio). Pasteurellosi può causare infezioni respiratorie, nasali e cutanee ed è responsabile per "Snuffles" - un`infezione del tratto respiratorio superiore nei conigli. Pasteurella si trova nella bocca di diversi animali e spesso crea infezioni e ascessi in gatto e cane ferite da morso. La maggior parte delle specie di Pasteurella sono sensibili agli antibiotici comuni, anche se stanno emergendo ceppi resistenti ai farmaci.]

Il mistero non è risolto che semplicemente però. Le domande sono:

  • Perché un batterio già esistente e diffuso uccide improvvisamente decine di migliaia di antilopi altrimenti sane?
  • Quando finirà il die-off?
  • Gli umani possono fare qualcosa per aiutare?

Le risposte a queste domande non sono chiare in questo momento. La popolazione della saiga è diminuita di 21.000 nel 20031 e ha rimbalzato con il nostro aiuto. La sfida questa volta è che gli umani non stanno cacciando la saiga, un batterio comune, e gli esseri umani hanno solo una limitata capacità di intervento.

A lungo termine, questa catastrofica scomparsa ha conseguenze potenzialmente gravi per l`antilope saiga. Ogni volta che una specie perde così tanto della sua popolazione così rapidamente, la sua diversità genetica viene significativamente ridotta. Gli scienziati temono che le prossime generazioni di antilopi saiga possano avere ulteriori problemi fisici e biologici a causa di questo pool genetico evaporativo e alterato.

Forse le misteriose morti delle antilopi saiga servono come sentinella di un altro problema più grande: riscaldamento globale e distruzione degli habitat. Man mano che le temperature cambiano, le specie migrano, le scorte di cibo e acqua diminuiscono e gli umani invadono gli ambienti naturali, possiamo aspettarci perdite più ingenti di specie animali. Come veterinario e sostenitore di animali, sono profondamente preoccupato per questi problemi e incoraggio tutti gli amanti degli animali a rimanere informati, a partecipare e contribuire a rendere il nostro pianeta più sano e più umano. Sono fiducioso per la sopravvivenza della saiga e continuerò a spingere per una maggiore enfasi sulla risoluzione dei problemi più grandi che affrontiamo sia come specie che come abitanti del nostro pianeta.

Clicca qui per conoscere la potenziale perdita di altri grandi erbivori alle generazioni future.

Se avete domande o dubbi, dovreste sempre visitare o chiamare il vostro veterinario: sono la vostra migliore risorsa per garantire la salute e il benessere dei vostri animali domestici.

risorse:

  1. Lutz, Stephen. "85.000 Antilopi in via di estinzione muoiono misteriosamente in un solo giorno." IFLScience. 26 aprile 2015. Web. 27 maggio 2015.
Condividi su reti sociali:

Simile

© 2011—2018 zustany.ru